Le attività della Fondazione

 
 

News

Ultimissime dalla Fondazione

Visita la pagina dedicata

 
 
 

Buon Compleanno, Vittorio! 2022, Alla Presenza del Conte - Palazzo Alfieri, Asti - Domenica 16 gennaio 2022Suddiviso in cinque repliche, alle ore 10,30, 12,00, 14,30, 16,30, 18,00 
Visita la pagina dedicata

 
Evento 24 ore No Stop di spettacoli, incontri e proiezioni su Vittorio Alfieri
Locandine, foto e video degli spettacoli teatrali prodotti negli anni.
Visita la pagina dedicata

Seminario Vittorio Alfieri e l'Attore 2022
Concorso Teatrale Gabriele Accomazzo X edizione
Il progetto è teso alla divulgazione della figura e del teatro di Vittorio Alfieri e alla valorizzazione del territorio astigiano.
Scarica il bando e scopri il programma del Concorso
 
 
 
 

Pedalando verso il Paradiso, un'operetta moderna
Scopri la nuova produzione della Fondazione Gabriele Accomazzo e le date del tour.
Visita la pagina dedicata

 

Festival Teatrale di Cortazzone 2022
IX edizione
Dal 8 luglio al 9 settembre 2022. Spettacoli, musica e concorso teatrale. Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito! Nei comuni di Cortazzone, Calosso, Cantarana, Capriglio, Ferrere, Maretto, Moasca, San Marzano Oliveto, Viarigi.
Visita la pagina dedicata
 
 
Le Produzioni teatrali della Fondazione
Locandine, foto e video degli spettacoli teatrali prodotti negli anni.
Visita la pagina dedicata
 
 
 
 

Dicono di noi


La Fondazione Gabriele Accomazzo per il Teatro esegue attività editoriali per la promozione di opere letterarie di amici particolarmente vicini alla Fondazione stessa. Il primo libro che la Fondazione ha editato (Un'ingannevole guerra privata di Sergio Rustichelli) ha vinto il Premio Nazionale Letterario Cesare Pavese 2016 sezione Medici scrittori. INFO E PRENOTAZIONI VOLUMI: accomazzo@virgilio.it 

Sergio Rustichelli, affermato professionista torinese, accanto alla ricerca scientifica, ha sempre coltivato un vivo interesse per la scrittura narrativa, componendo numerosi racconti brevi. Ora si è cimentato in una stesura di più ampio respiro, producendo un romanzo in cui esprime l'aleatorietà dei pensieri e dei voleri delle persone, che spesso subiscono, senza rendersene conto, i beffardi inganni che la vita tende loro.


Gabriele Accomazzo


Gabriele aveva vent’anni, aveva appena completato il primo anno di Farmacia con successo, ma la sua grande passione era il teatro. L'agiatezza, i negozi eleganti, quelle cose un po’ vacue che, sorridendo con malcelata, anzi sottolineata, superiorità, gli piacevano, appagavano la parte raffinata, aristocratica del suo io.

Ma il teatro era il meraviglioso mondo del “come sé”, le infinite possibilità di sperimentare l'altro da sé, la possibilità di smettere di presentare se stesso, che comporta necessariamente un riconoscimento ed un'accettazione... Accettazione… che per Gabriele era così difficile.  

QUESTO SITO, COME PURE LA FONDAZIONE, IL CONCORSO E TUTTE LE ATTIVITÀ COLLEGATE SONO, SOLO, PER LUI.